Contributi

Secondo l’Art. 66 cpv. 1 della LPP il contributo del datore di lavoro deve essere almeno uguale a quello dei lavoratori. Una quota maggiore a carico del primo può essere stabilita solo con il suo consenso. E’ il caso degli Enti affiliati alla CPdl.

A carico degli assicurati

Fino al 31 dicembre successivo al suo 19° compleanno o che coincide con tale data, l'assicurato versa alla CPDL un contributo ordinario pari al 2% del salario assicurato. Dal 1° gennaio successivo al suo 19° compleanno, l'assicurato versa alla CPDL, a dipendenza della variante di ripartizione dei contributi adottata:

A. un contributo dell'8.5% del salario assicurato;

 

oppure
 

B.un contributo dell'11.5% del salario assicurato.

A carico del datore di lavoro

Fino al 31 dicembre successivo al 19° compleanno dell'assicurato o che coincide con tale data, il datore di lavoro versa alla CPDL:

un contributo ordinario pari al 2% del salario assicurato;

un contributo per spese amministrative pari allo 0.5% del salario assicurato.


Dal 1° gennaio successivo al 19° compleanno dell'assicurato, il datore di lavoro versa alla CPDL, a dipendenza della variante di ripartizione dei contributi adottata:

 

  1. un contributo ordinario pari al 16% del salario assicurato;
    un contributo per spese amministrative pari all'1.65% del salario assicurato;

 

oppure  

 

 

  1. un contributo ordinario pari al 13% del salario assicurato;
    un contributo per spese amministrative pari all'1.65% del salario assicurato.